Gazpacho di melone

Come zucca, cetriolo e anguria il melone appartiene alla famiglia delle cucurbitacee. Al momento dell’acquisto non serve l’occhio, basta solo lasciarsi guidare dal profumo che emanano – a maturazione ottimale – questi frutti dalla forma tonda e la buccia reticolata. Succosi e perfetti per tante preparazioni, ecco come lo abbiamo usato in cucina!
Se quando senti la parola Gazpacho pensi subito alla Spagna e a i pomodori è arrivato il momento di ricrederti. Il Gazpacho che vede il melone come ingrediente principale è stata anche per noi una vera rivelazione. Saporito, fresco e assolutamente da condividere con gli amici per le prime cene in terrazza.

Ingredienti per 2 persone

1 melone, circa 400 g di polpa
40 g mandorle
50 g pane
menta fresca
aceto di mele
sale
pepe
olio evo

PROCEDIMENTO

Pulisci il melone mettendo la polpa in un contenitore con i bordi abbastanza alti, condisci con olio, un pizzico di sale e pepe. Aggiungi il pane bagnato con 4 cucchiai di aceto e frulla il tutto con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema omogenea. Fai riposare in frigorifero un paio d’ore.
Prima di servire tosta le mandorle intere in un piccolo tegame con un filo di olio e sale. Versa il gazpacho di melone nei piatti, aggiungi le mandorle tostate e qualche foglia di menta fresca. A piacere aggiungi pepe e un filo di olio.

Lo sapevi?

Il gazpacho non si fa solo con i pomodori!

Puoi preparare questa ricetta in anticipo e conservarla in frigorifero un paio di giorni.

Le mandorle vanno tostate al momento perché sono la parte croccante del piatto.

Lo sapevi?

Il gazpacho non si fa solo con i pomodori!

Puoi preparare questa ricetta in anticipo e conservarla in frigorifero un paio di giorni.

Le mandorle vanno tostate al momento perché sono la parte croccante del piatto.