Noto: ecco come sentirsi a casa.

24 maggio 2015

La Sicilia è una di quelle terre magiche in cui basta uscire dall’aereo per essere invasi da una sensazione di benessere. È iniziato così il nostro weekend a Noto proprio in concomitanza della famosa Infiorata, manifestazione che da ventisei anni vede artisti infioratori ricoprire via Nicolaci di disegni colorati con i petali dei fiori.

Noto è una città splendida, un susseguirsi di piazze che offrono ai cittadini veri e propri spazi pubblici da vivere, il colore chiaro della pietra con cui è costruita la città con la luce del tramonto assume un’atmosfera magica che semplicemente ti fa stare bene.

Quando ti senti a casa tutto ha un sapore diverso.
È proprio quello che è successo a noi la scorsa settimana, quando ospiti a Feudo Maccari – a pochi chilometri da Noto – siamo stati accolti e viziati dalla generosità del Dottor Moretti che per tre giorni ci ha trattati come suoi figli. Grande appassionato della vita e delle cose buone ci ha preparato pranzi e cene che non ci dimenticheremo facilmente. Piatti nati dalle buonissime materie prime che la Sicilia propone, pomodori, meloni e pesce freschissimo. Ricette nate ai fornelli combinando sapori con amore come solo a casa si può fare. È la cucina del cuore che fa la vera differenza.

Antonio ha stappato i suoi vini migliori, anche etichette che produce solo per se e per i suoi amici e noi ci siamo sentiti tali. Vini prodotti con passione e cura in questo pezzo di terra coperta da vigneti, grano e ulivi. Abbiamo capito perché 15 anni fa il dottor Moretti si innamorò di questo luogo e iniziò a recuperarlo e a renderlo produttivo con grande attenzione alla storia e ai prodotti locali. Oggi produce vino, pasta e olio.

Questo angolo di Sicilia è davvero stupendo, una delle zone più belle che abbiamo fin’ora visitato dell’isola. Se passate da queste parti – basta anche un weekend –  ecco dove potete mangiare, anche se sbagliarsi crediamo sia davvero difficile.

EAT & DRINK

Manna – Via Rocco Pirri 19 – Noto

Il bistrò Manna è accolto in quelle che erano le cantine di Palazzo Nicolaci, dimora storica signorile proprio nel cuore della città. Cucina di stagione e prodotti freschissimi sono alla base delle loro semplici e ben rivisitate ricette della tradizione siciliana. 

Il locale è davvero bellissimo e intimo. Dall’atmosfera, ai minimi dettagli, nulla è lasciato al caso.

Caffé Sicilia – Corso Vittorio Emanuele 125 – Noto

Pasticceria e gelateria della tradizione siciliana, i prodotti nascono dalla mente di uno dei più grandi maestri pasticceri: Corrado Assenza. Questo caffè, sulla via principale della città, è secondo noi una tappa obbligata. Granita di mandorle, gelsi e limoni ma anche cannoli e cassate.

I Rizzari – Via Libertà 63 – Brucoli, Augusta

Una trattoria sul mare dove puoi capire che il pesce che stai mangiando è  passato nel giro di pochi minuti dal mare al tuo piatto, passando per la loro cucina casalinga gremita di giovani cuochi che spadellano quasi a vista. Nella bella stagione – quasi tutto l’anno – mangi all’aperto, in terrazza direttamente sul mare. Qualche barca in legno attraccata nella spiaggia vicino, l’ombra delle cannette sopra la testa e il rumore delle onde sugli scogli. Tutti valori aggiungi a piatti davvero buonissimi. 

Da non perdere il polpo con il pecorino ubricaco siracusano, e le paste di mare. A seconda della disponibilità puoi trovare ricci, vongole e carciofi, gamberi o dotto.

La cucina siciliana è davvero ricchissima di piatti ai quali è difficile rinunciare quindi cerca di non perdere l’occasione di assaggiare gli arancini, la bottarga, le granite di mandorla, caffè o pistacchio, magari proprio in una brioche. La colazione è un’apoteosi di bontà con le sfoglie ripiene di crema di ricotta. Non preoccuparti per i chili di troppo, ci penserai una volta tornato a casa: è tutto troppo buono per non assaggiare, al massimo fai come noi e prendi più cose e dividile con i tuoi compagni di viaggio.

WHAT TO SEE

Partendo da Noto sono diverse le escursioni che puoi fare, ecco dove puoi andare.

Siracusa

A poco più di mezz’ora da Noto, questa città, ricca di storia, leggende e scorci bellissimi, merita davvero attenzione. Basti pensare che per oltre un millennio fu tra le più grandi polis del mondo greco e successivamente una tra le capitali più importanti dell’Impero romano e bizantino fino alla conquista islamica dell’isola. Culture, storie e stili si leggono percorrendo la città tra le sue architetture, i suoi contrasti e la sua cucina.

Marzamemi

Un piccolo borgo a pochi chilometri da Pachino in un contesto paesaggistico davvero unico. Una piazza principale sulla quale affacciano le case dei pescatori trasformate in trattorie dove puoi degustare pesce freschissimo e ricci di mare (quando di stagione). Sempre nella piazzetta, non puoi lasciarti sfuggire una visita a Villadorata e alla tonnara. Il tonno di Marzamemi è il re indiscusso della produzione locale, proposto in diverse specialità che rendono questo piccolo borgo una meta anche culinaria. Non puoi che prendere della bottarga per portare un po’ di Sicilia a casa tua.