Street food a casa tua!

Cosa abbiamo fatto con i primi soldi guadagnati da piccoli? Li abbiamo spesi per l’acquisto di un trancio di focaccia da mangiare con gli amici, in strada. O magari sfumati per quella porzione di patatine fritte da dividere con quello che pensavamo essere l’amore della vita.
Lo street-food è il cibo di tutti, piace a chiunque.
Ci cattura da bambini e ci accompagna sempre e ovunque sotto mille forme.

Nella nostra cucina sono passate persone provenienti da ogni parte del mondo e, a prescindere da quello che hanno cucinato o mangiato, i racconti sfociavano sempre nel loro cibo di strada preferito. Per questo non siamo mai stanchi di conoscere nuovi piatti o riproporre quelli che conosciamo già. Mangiandolo in casa o fuori sentiamo che tutti sono a proprio agio e poco importa se ti sporchi le mani o se quello che stai mangiando è troppo unto per la tua dieta. Sai solo che è una cosa a cui non puoi rinunciare perché mette in pausa le tue preoccupazioni.
Al cibo di strada, che nasce come il cibo di tutti, vogliamo dedicare un intero menù. Qui non esiste stagione, ne provenienza geografica. È cibo che esige solo di essere fatto bene, secondo tradizione e in modo da essere consumato in qualsiasi modo e momento.

Italiano o internazionale, la cena street-food deve cominciare con una base di fritti tale che i tuoi amici possano emozionarsi come alla vista del video Lay Me Down di Sam Smith.

Ricordati per tempo di far freddare delle birre per rendere tutto ancora più magico e lanciati in Onion rings, Bombette e Sciatt. Praticamente, in un unico colpo hai toccato gli estremi dell’Italia, unita dall’amore per l’olio bollente, insieme agli anelli di cipolla ormai patrimonio del mondo intero.

Le salse da accompagnamento sono utili per sgrassare il palato e rendere l’esperienza ancora più entusiasmante. Oltre a birra, vodka e gin ricordati di avere in tavola acqua frizzante aromatizzata con lime o zenzero.

Non è street-food se non metti qualcosa dentro due fette di pane. La scelta è ampia e sta a te decidere che carta giocare. Re incontrastato il Burger, per il quale abbiamo anche un’intera sezione dedicata – la trovi qui – ma, se hai voglia di sapori più insoliti, il consiglio è quello dello Shrimp roll o del Burrito (da mangiare rigorosamente con Sombrero in testa). Devi farti carico di far conoscere nuovi piatti dal mondo alle persone che partecipano alla tua cena e queste proposte possono essere risolutivi.

Manca il contorno (se così possiamo definirlo) e perseguiamo la tradizione latinoamericana del mais con la pannocchia grigliataIl dessert? Quello del parco giochi dove andavi da piccolo: la mela caramellata!

Il pranzo è finito ma ricorda che all’inizio, a metà e alla fine servirà sempre una cosa: tovaglioli. E ne serviranno moltissimi. Dopo questa nessuno avrà più voglia di partecipare a una cena dove è previsto l’uso delle posate e l’obbligo di stare seduti. Il merito non sarà che tuo.

street-food