Bentos

Una ricetta di Natascia Fenoglio

Abbiamo scoperto Natascia Fenoglio per caso, sfogliando pagine nel web e ne siamo rimasti subito affascinati. L’incontro è stato incredibile, energico.. Sì, lei è energia pura. In un attimo vieni travolto dal suo punto di vista e quelli che prima ti sembravano succulenti ingredienti pronti ad esser cucinati ora ti appaiono come pura materia, modellabile, trasformabile.. materia in tutte le sue caratteristiche e particolarità. E poi il contrario, oggetti della nostra cucina divenivano edibili, le nostre piastrelle smaltate bianche, la scritta Gnam Box con le lettere magnetiche.. Questa è l’energia di Natascia, indaga, scopre, lavora e trasforma il cibo e la sua natura senza però dimenticare di essere anche un’ottima forchetta: quando è il momento di mangiare non si scherza, si mangia!

Cos’è?

E’ una categoria che comprende tutti gli organismi bentonici, sia d’acqua dolce che marini, che vivono sul fondo delle acque o fissati ad un substrato solido.

Come nasce l’idea?

L’idea nasce dall’intenzione di unire il bentos, all’idea di sviluppare dei nuovi packaging (primordiali) per consumare e cuocere alimenti.  La pietra può divenire supporto per la cottura, mantenere e sviluppare calore ed essere anche un piatto! Da qui la pietra su cui ho montato diversi alimenti per ricostruire un habitat adatto a questi organismi dove potersi ancorare, vivere nutrirsi e in alcuni casi non muoversi mai più per tutta la loro vita.

natasha-fenoglio-food-design-02

BENTOS (dal greco fondo marino)

  • natasha-fenoglio-food-design-03
  • natasha-fenoglio-food-design-04
  • natasha-fenoglio-food-design-05
  • natasha-fenoglio-food-design-06
  • natasha-fenoglio-food-design-07
  • natasha-fenoglio-food-design-08
  • natasha-fenoglio-food-design-09
  • natasha-fenoglio-food-design-10